Pagina:Mastro-don Gesualdo (1890).djvu/199

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




PARTE SECONDA.


I.



— Tre onze e quindici!... Uno!... due!...

— Quattr’onze! — replicò don Gesualdo impassibile. Il barone Zacco si alzò, rosso come se gli pigliasse un accidente. Annaspò alquanto per cercare il cappello, e fece per andarsene. Ma giunto sulla soglia tornò indietro a precipizio, colla schiuma alla bocca, quasi fuori di sè, gridando:

— Quattro e quindici!...

E si fermò ansante dinanzi alla scrivania dei giurati, fulminando il suo contradittore cogli occhi accesi. Don Filippo Margarone, Peperito e gli altri del Municipio che presiedevano all’asta delle terre comunali, si parlarono all’orecchio fra di loro. Don Gesualdo tirò su una presa, seguitando a fare tranquillamente i suoi conti nel taccuino che teneva aperto