Pagina:Meditazioni storiche.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la provvidenza nella storia. 13

modo nuovo. Sono due gravi errori de’ moderni, l’asserire che gli antichi non avessero nè storie filosofiche, nè filosofie della storia. I nomi soli sono nuovi; ma queste due scienze, o per dir meglio, qnesti due modi della scienza storica sono antichissimi, se per istorie filosofiche s’intendano, come si deve, quelle che narrando i fatti pur ne cercano le cause, se per filosofia della storia s’intenda la ricerca professata e fatta separatamente di queste cause, e il tentativo d’arrivare dall’una all’altra quanto più presso alla prima. Che gli antichi non sieno saliti alle cause vere e più alle, che non abbiano avute storie filosofiche nè filosofie storiche giuste, io lo credo, e ne cercheremo in breve la ragione principale; ma non si può nè deve dire che una scienza non esistesse presso gli antichi, perchè essi non le dieder nome, o perchè non v’arrivarono ad una buona teoria; chè, così dicendo, si negherebbero loro quasi tutte le scienze. Certo sono storia filosofica quant’altra mai, e molle parti del libro di Erodoto,1 e l’ammirabile introduzione di Tucidide, e la Ciropedia di Senofonte, e non poche digressioni di Polibio, di Plutarco e di parecchi altri Greci. E sono poi trattati meravigliosi di filosofia storica molti di quelli di Platone, e sopra tutti quel delle leggi, quel della repubblica, e il Timeo; e poi parecchi di Plutarco, e quello sopratutti della Provvidenza divina. — I Romani poi scrissero storie meno filosofiche e meno trattati di filosofia storica; sia che venisse loro tale inferiorità dalle loro grandi preoccupazioni di pratica, sia che piuttosto dall’aver l’antica filosofia fatto già prima di loro l’estremo di sua possa. E tuttavia sono pur talora molto filosofiche le grandi storie romane; quella di Livio che giudica così magnificamente fin dalla prima pagina tutto il passalo e l’avvenire della grandezza romana; quella di Sallustio, che dicesi essere stato scellerato uomo, ma fu storico virtuoso, e mostra così la virtù essere stata tenuta dagli antichi quasi parte necessaria della storia; e quella di Tacito,

  1. Quando Erodoto considerò gli avvenimenti materiali come effetti d’una causa, ed impose alla storia il dovere d’indagare e rivelare tal causa primaria, allora egli sollevò la storia (greca?) dal grado di semplice novellatrice a quello altissimo di scienza.» (Peyron, Idee della storia antica della Grecia, pag. 30.)