Pagina:Memorie del Cagliostro in Roveredo.djvu/4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

dotti, ma ossequiosissimi alla disciplina cristiana, i quali raggiugnendo l’idea dello Scrittore, esaltarono con somme lodi il disegno e l’opera. Ora poi, che pubblichiamo quest’opuscolo scritto con buona fede, ma non mai certamente con intenzione di darlo alla luce; noi per verità soddisfacciamo al desiderio di molti, nè crediamo di far cosa disaggradevole allo stesso Autore, posciacchè girano innumerevoli esemplari di esso nell’Italia, e ancor di là dall’alpi, ne’ quali alcuni passi sono copiati scorrettamente, altri diversamente da quanto l’Autore, tosto ritrattandosi, corresse egli stesso, altri ancora a piacere o inseriti, o tralasciati. Alle quali cose tutte ovvierà una esatta edizione, ponendo insieme fino al capriccio de’ Copiatori, che non è mai senza pericolo. Vivi felice.