Pagina:Memorie storiche del Santuario di Castelleone.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

33

§. II.

Dei Processi rogati sui Fatti.


Si eressero Atti autentici sugli accennati prodigj, rogati da Notaj ragguardevolissimi, che furono anch’essi testimonj di fatto; ai quali Atti non prestando fede, sarebbe lo stesso che rinunziare al buon senso, e alla ragione; distruggere ogni fondamento della Storia, e della Tradizione; e così coll’esempio della nostra diffidenza, meritarsi noi pure la diffidenza da quelli che verran dopo di noi, intorno ai fatti dell’età nostra, che colla Storia, e coi Monumenti noi procuriamo di conservare alla Posterità.


§. III.

Dei Miracoli in conferma della verità.


Nelle Apparizioni di Maria Santissima a Domenica, è da notarsi una circostanza non comune, ma singolare; e questa si è, che volle il Signore autenticare coll’opera