Pagina:Memorie storiche della città e del territorio di Trento.djvu/184

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
166 memorie storiche della città

scrive: «Sic Ecclesia Tridentina Antistitem doctrina et virtute clarissimum, Orbis litterarii illustre decus, Augustissimus Cæsar Ministrum in spes haud dubie maximas reservatum, Terræ Austriacæ ornamentum ingens.... O diem acerbum! quem et Pallas, et Apollo, et Musæ omnes plangant, et virtus ipsa deploret.»

Nella chiesa de’ Padri Minori Conventuali di S. Francesco posta fuori delle mura della città di Trento fu a Gian Benedetto Gentilotti meritamente eretto un mausoleo, in cui fu scolpito il seguente epitafio composto dal Canonico Pantaleone Borzi, del quale avremo occasione di parlare in altro luogo, epitafio che per essere la detta chiesa ora divenuta un magazzino militare, più non vi si legge, ma che merita d’essere qui trascritto.


«Cristo Deo

Io. Benedicto Gentilotto ab Engelsbrun Ord. Equest. Tridentino, Icto, Polyhistori, Ebraice, Arabice, Græce docto, Latine scribendi æque ac morum elegantia, Germanici, Italici, Hispanici, Gallici idiomatum, quæ emendate loquebatur, peritia, scriptis editis et nondum vulgatis conspicuo, Qui variis apud Principes Viros muneribus functus, tum Augustæ Bibliothecæ Vindobonen. Præfectus, et difficili Hispanici Belli tempore ad recipiendum in fidem Neapolitanum Regnum Martinizio Proregi comes datus, tribus Cæ-