Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/262

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
256 iv - ezio


SCENA VIII

Valentiniano e Massimo.

Valentiniano.  Ezio sappia ch’io bramo
seco parlar, che qui l’attendo.
 (ad una comparsa che, ricevuto l’ordine, parte)
 Amico,
comincia ad adombrarmi
la gloria di costui. Ciascun mi parla
delle conquiste sue: Roma lo chiama
il suo liberatore: egli se stesso
troppo conosce. Assicurarmi io deggio
della sua fedeltá. Voglio d’Onoria
al talamo innalzarlo, acciò che sia
suo premio il nodo e sicurezza mia.
Massimo. Veramente per lui giunge all’eccesso
l’idolatria del volgo. Omai si scorda
quasi del suo sovrano,
e un suo cenno potria...
Basta: credo che sia
Ezio fedele, e il dubitarne è vano:
se però tal non fosse, a me parrebbe
mal sicuro riparo
tanto innalzarlo.
Valentiniano.  Un sí gran dono ammorza
l’ambizion d’un’alma.
Massimo.  Anzi l’accende.
Quando è vasto l’incendio, è l’onda istessa
alimento alla fiamma.
Valentiniano.  E come io spero
sicurezza miglior? Vuoi ch’io m’impegni
su l’orme de’ tiranni, e ch’io divenga
all’odio universale oggetto e segno?