Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/247

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ARGOMENTO

Ezio, capitano dell’armi imperiali sotto Valentiniano terzo, ritornando dalla celebre vittoria de’ Campi catalaunici, dove fugò Attila re degli unni, fu accusato ingiustamente d’infedeltá all’imperatore, e dal medesimo condannato a morire.

Massimo, patrizio romano, offeso giá da Valentiniano per avergli tentata l’onestá della consorte, procurò l’aiuto d’Ezio per uccidere l’odiato imperatore; ma, non riuscendogli, fece crederlo reo, e ne sollecitò la morte, per sollevar poi, come fece, il popolo, che lo amava, contro Valentiniano. Tutto ciò è ’.storico: il resto è verisimile (Sigonio, De occidentali imperio; Prospero Aquitanio, Chron., ecc.).