Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/311

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto terzo 305

SCENA XII

Fulvia.

Misera! dove son? L’aure del Tebro
son queste ch’io respiro?
Per le strade m’aggiro
di Tebe e d’Argo; o dalle greche sponde,
di tragedie feconde,
vennero a questi lidi
le domestiche furie
della prole di Cadmo e degli Atridi?
Lá d’un monarca ingiusto
l’ingrata crudeltá m’empie d’orrore:
d’un padre traditore
qua la colpa m’agghiaccia;
e lo sposo innocente ho sempre in faccia.
Oh immagini funeste!
oh memorie! oh martiro!
Ed io parlo, infelice, ed io respiro?
          Ah! non son io che parlo,
     è il barbaro dolore,
     che mi divide il core,
     che delirar mi fa.
          Non cura il ciel tiranno
     l’affanno — in cui mi vedo:
     un fulmine gli chiedo,
     e un fulmine non ha. (parte)

SCENA XIII

Campidoglio antico, con popolo.

Massimo senza manto, con séguito; poi Varo.

Massimo. Inorridisci, o Roma:
d’Attila lo spavento, il duce invitto,
il tuo liberator cadde trafitto.