Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/348

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
342 v - alessandro nell'indie


     e fa co’ suoi nitriti
     le valli risonar.
          Ed ogni suon che ascolta
     crede che sia la voce
     del cavalier feroce,
     che l’anima a pugnar. (parte)

SCENA XI

Appartamenti nella reggia di Cleofide.

Cleofide e Gandarte.

Cleofide. È ver, tentò svenarmi,
ma per soverchio amor. Ma giá che il cielo
dall’onde ti salvò, fuggi Gandarte,
fuggi da questa reggia. Ah! se Alessandro
aggrava anche il tuo piè de’ lacci suoi,
nessun rimane in libertá per noi.
Ei vien: parti.
Gandarte.  Non sia
mai ver ch’io t’abbandoni.
Cleofide.  Ah! dal suo ciglio
célati per pietá.
Gandarte.  Numi, consiglio! (si nasconde)

SCENA XII

Alessandro e detti.

Alessandro. Per salvarti, o regina,
tentai frenar, ma invano,
d’un campo vincitor l’impeto insano.
Non intende, non ode,
non conosce ragion. La rea ti crede,