Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. II, 1913 – BEIC 1884499.pdf/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO PRIMO 9
Tamiri. Si vede.
Semiramide. Or siedi, Ircano. (Ircano va a sedere)
Qual ti sembra costui? (piano a Tamiri)
Tamiri. (piano a Semiramide) Barbaro e strano.
Semiramide. Venga Scitalce.
Sibari. (Oh stelle! io veggo Idreno!
Qual arrivo funesto!)
Semiramide. Sibari, oh E)io! questo è Scitalce?
(piano a Sibari, vedendo Scitalce)
Sibari. È questo.
Semiramide. Sarà, ("dopo averlo considerato)
Scitalce. (Numi, che volto!) Il re novello,
Ircano, dimmi, è quel ch’io miro?
Ircano. È quello.
SCITALCE. Sarà, (dopo aver considerata Semiramide)
Semiramide. Prence, il tuo nome
dunque è Scitalce?
Scitalce. Appunto.
Semiramide. (Qual voce!)
Scitalce. (Qual richiesta!
10 gelo.)
Semiramide. (Io vengo meno.)
Scitalce. (Semiramide è questa.)
Semiramide. (È questi Idreno.)
Fin dall’indico clima
ancor tu vieni alla reai Tamiri
11 tributo ad offrir de’tuoi sospiri?
Scitalce. Io... (Che dirò?) Se venni...,
non sperai... Mi credea... Ma veggo... (Oh dèi!)
Semiramide. (Si confonde il crudel sugli occhi miei.)
Tamiri. Siedi, Scitalce. Il turbamento io credo
figlio d’amor; né a paragon d’ogni altro
picciol merito è questo.
SCITALCE. Ubbidisco, (si ritira lentamente verso il sedile)
Semiramide. (Infedel!)
Scitalce. (Sogno o son desto?)