Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. IV, 1914 – BEIC 1885923.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 95


Egle. Zenobia odiarti!

abborrirti Zenobia! Ah! mal conosci
la sposa tua. Questo timore oltraggia
la piú ledei consorte
di quante mai qualunque etá ne ammira.
Te cerca, te sospira,
non trema che per te. Difende, adora
fin la tua crudeltá. Chi crede a lei,
condannarti non osa:
la man, che la feri, chiama pietosa.
Radamisto. Deh! corriamo a cercarla. A’piedi suoi
voglio morir d’amore,
di pentimento e di rossor.
Egle. La perdi
forse, se t’allontani.
Radamisto. Intanto almeno
va’tu per me: deh! non tardar. Perdona
l’intolleranza mia: sospiro un bene
ch’io so quanti mi costi e pianti e pene.
Egle. Oh che felici pianti!
che amabile martiri
pur che si possa dir:
— Quel core è mio. —
Di due bell’alme amanti
un’alma allor si fa,
un’alma che non ha
che un sol desio, (parte)

SCENA VI

Radamisto e poi Zopiro.

Radamisto. Oh generosa, oh degna

di men barbaro sposo,
principessa fedeli Chi udi, chi vide