Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. IV, 1914 – BEIC 1885923.djvu/315

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 309


Agenore. La man!

Alessandro. Si, amico. Ah! con un sol diadema
di due bell’alme io la virtú corono.
Ei salirá sul trono,
senza ch’ella ne scenda; e a voi la pace,
la gloria al nome mio
rendo cosi: tutto assicuro.
Agenore. (Oh Dio!)
Alessandro. Tu impallidisci e taci!
Disapprovi il consiglio? È pur Tamiri...
Agenore. Degnissima del trono.
Alessandro. È un tal pensiero...
Agenore. Degnissimo di te.
Alessandro. Di quale affetto
quel tacer dunque è segno e quel pallore?
Agenore. Di piacer, di rispetto e di stupore.
Alessandro. Se vincendo — vi rendo felici,
se partendo — non lascio nemici,
che bel giorno fia questo per me!
De’ sudori, ch’io spargo pugnando,
non dimando — piú bella mercé, (parte)

SCENA VI

Agenore solo.

Oh inaspettato, oh fiero colpo! Ah! troppo,

troppo, o numi inclementi,
trascendete i miei voti: io non chiedea
tanto da voi. Misero me! ti perdo,
bella Tamiri, e son cagione io stesso
della perdita mia. Folle ch’io fui!
Ben preveder dovea... Come! ti penti,
Agenore infelice,
d’un atto illustre? E tu sei quel che tanta