Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. IV, 1914 – BEIC 1885923.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO SECONDO 3*
Aspasia. Sono i tuoi dubbi alfine
terminati, o Rossane?
Ross a ne. (come sopra) (Io non ritrovo
di nodi si tenaci
tanta ragion.)
Aspasia. Che fai? Mi guardi e taci!
Rossane. Ammiro quel volto,
vagheggio quel ciglio,
che mette in periglio
la pace d’un re.
Un’alma confusa
da tanta bellezza
è degna di scusa,
se manca di fé. (parte)
SCENA V
Aspasia, poi Lisimaco.
Aspasia. Che amari detti! O gelosia tiranna,
come tormenti un cor! Ti provo, oh Dio!
per Lisimaco anch’io.
Lisimaco. (Solo un istante
bramerei rivederla, e poi... M’inganno?
ecco il mio ben.)
Aspasia. Non può ignorar ch’io viva:
troppo è pubblico il caso. Ah! d’altra fiamma
arde al certo l’ingrato; ed io non posso
ancor di lui scordarmi? Ah! si, disciolta
da questi lacci ormai... (volendo partire)
Lisimaco. Mia vita, ascolta.
Aspasia. Chi sua vita mi chiama?... Oh stelle!
Lisimaco. Il tuo
Lisimaco fedele. A rivederti
pur, bella Aspasia, il mio destiti mi porta.
Aspasia. Aspasia! Io non son quella: Aspasia è morta.