Pagina:Michiel - Notizia d'opere di disegno, 1800.djvu/112

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

85

una ametista di mezzo rilevo, legata in uno anello, e il retratto de M. Francesco Zen in un cammeo, e la corniola intagliata in un altro anello, furono de mano de Zuanantonio Milanese(149), che ora vive in Venezia: & el retratto del Zeno è tratto da una cera de M. Zuan Falier.

La corniola della figuretta nuda, ovver Apolline, che tira l’arco, è opera di Alvise Anichino(150).

La corniola del nudo, che tien in mano manca un scorpione, & in la destra un vaso, è opera antica.

El nudo a penna in un paese fu de man de Zorzi, & è el nudo che ho io in pittura dell’istesso Zorzi.

El ditto M. Michiel ha più quadretti de capretti e tavolette di sua mano, ritratti da carte del Mantegna, Raffaello, e altri; ma coloriti da lui alla maniera de Iacomo, e felicemente(151).

f 3 IN