Pagina:Michiel - Notizia d'opere di disegno, 1800.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ix

no portati, e si attribuivano a Prassitele (Descriz. di Venezia p. 63. ed. 1581.). Bella cura certamente si è presa colui che questi fanciullini avere ci fece; perciocchè di antico e stupendo lavoro sono essi comunemente riconosciuti; e vuolsi ancora che Tiziano nella insigne palla di San Pietro Martire gli ricopiasse. Non sono però quei medesimi che il predecessore mio chiarissimo Antonio Maria Zanetti (Lib. cit. p. 117.) credeva indicati da Girolamo Rossi come degni di Fidia e di Policleto (Histor. Raven., Lib. 3. p. 159. ed. 1589.). Stanno questi anche oggidì in due pezzi di bassorilievo nella chiesa medesima di Ravenna: de’ quali uno, che il trono di Nettuno con tre puttini rappresenta, dal ch. P. Iacopo Belgrado Gesuita illustrato fu con una


Dis-