Pagina:Milani - Risposta a Cattaneo, 1841.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

107

costruzione delle strade, dalle macchine di ogni sorta: ma ogni volta che si trattò di applicazioni nella patria mia, o di confronti colla patria mia, mi attenni di preferenza, per le ragioni suddette, al Belgio ed alle strade del Belgio.

346.° Il governo belgico decretò la costruzione di 549 chilometri di strade di ferro (Nothomb, pagina 4)(1). Di questi, 309 sono non solamente compiuti, ma anche, e da alcuni anni, in attualità di servizio (Nothomb, pagina 12). Il trasporto dei viaggiatori incominciò nell’anno 1835, e quello delle merci soltanto l'anno 1838, cioè tre anni sono.

347 ° Per la strada di ferro ferdmandea, lunga 271 chilometri, e per un annuo movimento di

3a5,3oo viaggatori, e i6a,846 tonnellate di merci ho nel progetto sommario additato, intanto^ dodici stazioni’^ e tenuto in conto di spesa, per tutte le fabbriche d’azienda proporzionate al movimento suddetto, tre milioni di lire austriache, dividendole presuntivamente così:

lire 1,600,000 per le due stazioni principali di Venezia e di Milano.

» 800,000 per le quattro stazioni intermedie di arrivo e di partenza, e ricambio delle macchine locomotive.

» 600,000 per le altre sei stazioni intermedie d’arrivo e partenza soltanto ( pag. 54-67 del progetto a stampa ).

Notiamo che queste dodici stazioni sopra una lunghezza di 271 chilometri danno, in misura media, una stazione ad ogni 25 chilometri circa.

348.° Sopra i 309 chilometri di strade di ferro compiuti nel Belgio, ed in istato di esercizio tanto pei viaggiatori che per le merci, le stazioni definitivamente stabilitevi sono in numero di dodici, cioè, in misura media, una ad ogni 28 chilometri (Nothomb, pagine 37 e 38, prospetto VE).

La spesa totale di tutte queste dodici stazioni, cioè di tutte le fabbriche d’azienda dei 309 chilometri di strada, fu di lire italiane 2,109,918, austr. lire 2,426,4o5 ( Nothomb ?

prospetto VII, pagine 3o e 38), quantunque nelle dodici stazioni suddette si conti quella di Malines, che comprende le officine ed i magazzini per la costruzione e riparazione delle macchine locomotive, carrozze, carri, ec. che saranno per occorrere al servizio non solo dei 309 chilometri di strada già costruiti, ma anche ai rimanenti 240 che si stan costruendo per raggiungere i 549 chilometri decretati (Nothomb, pagina 3o) (2).

349»° Queste dodici stazioni così costruite, così fornite, pronte anche al trasporto delle merci, incominciato già sino dall’anno i838, servirono nell’anno 1839, e nelle diverse sezioni, con pubblico comodo, al transito di 1,694,019 viaggiatori in dieci mesi (Nothomb, prospetto XVIII), e quindi, nella medesima proporzione in un anno, al transito di i ? 976,355, cioè sei volte quello da me presunto su tutta la lunghezza della strada ferdinandea)

ed a quello di 34,535 tonnellate di merci in dieci mesi, e quindi in un anno ton (1) Travaux publics en Belgique. — Chemins de fer et routes ordinaires — 1830-1839. Rapport presente aux Chambre» legislative» le 12 novembre 1839, par M. le ministre dea travaux pubi ics. Bruxelles. V. e H. Henry, iroprimeur du roi, rue Notre-dame aux Belges.

(a) Nothomb, pag. 3o. «Les atelier» pour les grosses re’parations de tout le matériel en general se trouvent m dans la station centrale de Malines; c*est qui explique le chiffre élevé des sommes consacrées aux bàtimenU ft de cette station ». Google