Pagina:Miranda (Fogazzaro).djvu/211

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il libro di miranda 207

LXXII.


Ben ferma
Di conoscer, se puossi, la mia sorte,
In biblioteca mi recai. Di fianco
Alla porta è nell’ombra uno scaffale
Paüroso che i brividi mi mette,
Solo a passarvi accanto. Ivi mio padre
I libri d’arte medica raccolse,
Neri volumi, a cui brillano in fronte
Sinistri nomi a gran lettere d’oro.
So che bambina li chiamavo i gufi.
Quegli occhi gialli, immobili, splendenti
Tutti affrontai. Mali del cuore.

Trassi
II volume e sedetti. Ero tranquilla;
O v’era almeno dentro a me uno spirto
Imperioso che domava i miei
Nervi ribelli, e sospingea la mano
Lenta di foglio in foglio e l’occhio acuto.