Pagina:Mirtilla.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

A T T O

Coroniamo le mandre
Di verdeggianti rami,
Ponendo sù la porta una corona
Di fiori, e frondi riccamente adorna;
E che ciascun l’armento, e la sua greggia
Parimenti corona di bei fiori;
E con fumo di puro zolfo gira
D’intorno a gli animal,
Per levar loro ogni possibil male:
E che i gioghi, e gli aratri,
I vomeri, le zappe, e i rastri ancora
D’odoriferi fior tutti adorniamo,
Allhor che le capane,
Con le sonore canne
Facciamo risonare; allhor che tutti
Gli animali si mostrano contenti,
Non che i saggi Pastori,
Per la solennità di sì gran festa,
Festa sacrata ogn’anno
A Pale nostra Dea;
Allhor dico fui fatto
Preda, lasso d’Amore;
E questo fù nel gire al sacro Tempio,
Dove raccolti fummo
Da venerando, e vecchio Sacerdote,
Di bianca veste adorno,
E di verde ghirlanda coronato,
Il qual con lieto viso,
Con puro, e santo zelo


Al-