Pagina:Mirtilla.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

T E R Z O. 23


E finalmente, crudo, ogni pensiero,
Ogni parola, ogn’opra,
E tutto quel, che pensi, e parli, e fai,
E’l sol per darmi inanzi tempo morte;
Ma sia come si vuol, voglio seguirti.


Il fine del Secondo Atto.




ATTO TERZO.

SCENA PRIMA.

Satiro.


GIà nell’ampio del Cielo,
Quattro, è sei volte la candida Luna
Hà riempiute l’argentate corna,
Et altre tante l’ha scemate, e vote,
Dal dì, che la spietata, e cruda Filli,
Mi pose al collo l’amoroso giogo,
Filli, Filli, ben hai di sasso il core,
E di vento i pensieri, e più pungente
De le ortiche mi sei, Filli spietata,
Filli, che Filli ingrata,
Farò sempre sonar per questi monti,
Tu mi sei cruda, e se ben cruda sei,
Assai più del mio cor t’amo, cor mio;


D   3      E, se 'l