Pagina:Mirtilla.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

A T T O

A lasciarmi legar le braccia, come
Già mi lasciai legar l’anima, e ’l core
Da le sciolte sue chiome.



SCENA TERZA.

Gorgo capraio, e Satiro.


Gor.DAmon guarda la greggia,
Ch’io vado a la cappanna a tor del pane,
Del cacio, e delle pere, & altro ancora,
Per far vita serena, essendo ch’io
Altro diletto, che mangiar non provo,
Questi amanti vorrebbon farmi credere,
Che non è cosa al mondo di più gusto,
Nè di maggior contento, che l’amare,
Quand’altri è riamato; e tutto il giorno
M’intronano il cervello, e van dicendo,
Che non dovea concedermi Natura
Altro senso, che ’l Gusto;
Poi che solo son dato
Al mangiare, & al bere;
E che quel del vedere è dato a noi,
Non solo per veder l’alte bellezze
Del cielo, e della Terra;
Ma per veder ancora
La gran beltade di colei, che s’ama,
E per farli vedere,
Per gl’occhi aperto il core.


E di-