Pagina:Mirtilla.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Q U A R T O. 35

Opi.Ti giuro, Tirsi, per questa mia chioma,
Fatta per man del Tempo,
Si come vedi già squalida, e bianca,
Che quando il vidi (ohime) starsi à quel modo
Pensoso, e muto, à gran fatica il pianto
Ritenni; e se ben sono
Spente in me tutte l’amorose fiamme:
Pur mi sovvene de i passati affanni,
Ne l’età mia più verde, e più fiorita;
Ma, s’Uranio non hà provato ancora
De la caccia i piaceri,
(Che sol quest’esercitio
Potria, sel ver discerno,
Dar bando forse à l’amoroso foco;
Perche levando l’otio, ancor si leva
Tutta la forza, onde ci atterra Amore)
Maravigliar non me’n poss’io, che sono
Già vecchio, e tuttavia
Così fatti piacer non gustai mai;
Ma dimmi, caro Tirsi,
Come hai tu ne la caccia sì gran gusto?
Tir.Opico ben si vede,
Che non provasti un tal piacer giamai:
Perche simil dimanda
Non m’havresti fatta:
Ma sappi, che non è diletto al mondo,
Che possa pareggiar quel de la caccia,
O che piacere immenso
Allhor prov’io, che in picciola Barchetta


Con