Pagina:Modena descritta da Francesco Sossaj.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

)( 241 )(

dove s’impara a nuotare, fabbricato dall’Architetto di Corte Prof. Vandelli. Chiude una Vasca rettangolare tutta rivestita di mattoni, con Galleria all’intorno, nella quale si fa derivar l’acqua dalla fossa per condotto sotterraneo, scaricandola poi per altra parte. Nei lati principali del muro di cinta, costruiti sono più Gabinetti di ritiro in due piani, dove i Nuotatori depositano i loro indumenti, e trovano gli abiti da nuoto. L’incessante virtuosissima munificenza di Francesco IV ha voluto introdurre fra noi anche questa Scuola l’anno 183i, e la mantiene gratuitamente a sue spese durante F estiva stagione, provvista di esperti Istruttori, e di ogni occorrente servigio, a comodo dei Militari, dei Nobili e dei Cittadini nelle ore assegnate dall’apposito regolamento, dietro F osservanza di certe discipline dal regolamento stabilite.

Guazzo per Cavalli


Finalmente, prima di rientrare in Città, in sinistra presso la fossa è costruito un Vaso rivestito di pietra cotta, custodito da un cancello a chiave,, come luogo riservato a bagnare i Cavalli delle RR. Scuderie.


FINE.