Pagina:Monete e medaglie degli Spinola.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146

pito il corso degli studi letterari e scientifici, portatosi a Roma, siccome fama avea già di scienziato, e prudente personaggio, ebbe a trovare ben presto aperta la strada ai più insigni onori ed impieghi. Dichiarato ei venne pertanto Referendario dell’una e l’altra segnatura, Vice-Legato di Ferrara, Governatore successivamente di varie città dello Stato ecclesiastico, Assessore del S. Uffizio, Commendatore di Santo Spirito, Legato in Ispagna a Carlo di Austria, e poscia al medesimo già Imperatore, e finalmente fu creato Cardinale da Clemente XI. Morto questo pontefice venne eletto Segretario di Stato da Innocenzo XIII, e poi Legato di Bologna da Benedetto XIII, donde restituitosi a Roma cesso di vivere.

N. LXXIV. Al più recente dei Cardinali di Casa Spinola, ad Ugo figlio di Francesco Maria e di Eugenia Pallavicini di Battista di Giacomo, del ramo dei Signori dell’Isola, spetta la medaglia delineata nella tavola XVIII, ch’è posseduta dal signor Avv. Gaetano Avignone. Nel diritto evvi il busto di Ugo in abito cardinalizio coll’iscrizione vgo . s . r . e . card spinola bonon leg mdcccxlii. Nel rovescio siede la Dea della Sapienza, e simbolo della vigilanza le sta vicino una civetta. L’epigrafe è sapienti . et . vigilanti, ed in carattere assai piccolo e scolpito il nome dell’incisore piccioli f. Il Cardinale Ugo Spinola era nato in Genova nel 1791 e moriva nel 1858.