Pagina:Moneti - Cortona convertita, 1797.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

RITRATTAZIONE 125


XXIX.


Del gran Bernardo poi allo splendore
     Chiara una Valle in santità risplende,
     Ed il Cisterciense Osservatore
     Con più rigore all’osservanza attende:
     In un Silvestro, ed in un Pietro il cuore
     De suoi seguaci nuovi lumi accende;
     L’uno Duce si fa dei Silvestrini;
     L’altro Celeste Duce ai Celestini.

XXX.


Alcuni poi, che in solitarie celle
     Abitatori son d’alpestri monti,
     Chiamar potrei già tramontate stelle
     Sotto i climi terreni, ed orizonti;
     Che del Mondo in fuggir l’empia Babelle
     L'orme seguir di Romualdo pronti,
     Per introdursi nell’empirea Sala
     Per lunga sì, ma fortunata scala.

XXXI.


Da Bruno ancora scorgo esser già nato
     D’abito, e di costumi il bel candore,
     Tra i Padri ch’hanno in solitario stato
     Alle contemplazioni affisso il cuore,
     E di Brunone, il Santo a Dio sì grato,
     D’esser fatti seguaci ebber l’onore;
     E una Certosa a Religiosi aperta
     Mostra del Cielo a lor la via più certa.