Pagina:Mossi - Breve descrizione dell'aquisto di Terra Santa, 1601.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


2D/T erra Santa. 43 di v ^ Ue g*°ùa n i 3i bella datura, non fa pendo chi éflrfof,. p eto ’ * < 3 ua ^ p u g a a* n <> P et loro i Se vinto che h bbehia, l? fp ariJ ero,ne furono più veduti in Campo, & eflì d ^ ) i,u ^ lcorao *chcfoireCadDre f & Polluce, & però gli iG;iI <?c * on * ^ cm pi* & altari. Ma perchnl mio iberna nò;Jfcr c di trattar quefto,ripiglierò il ragionaméto tralaicia ticu to * Li nodri hauuto che hebbero quella vittoria, fi, a ^tederoà purgar le Chicfe, ornandole di vafi d’oro, arguto: facendo Patriarca d’Antiochia Be’rnarugn^° s P a g nu olohuomo di fantiffima vita, Se in oltre j orC P er indolite queih huofìiini rozzi alla nodra ftefigio i/ier nc»^ lede to Velcoui a molte citrà di Ccleilìria, di poi igol£ er ri? orar 6 di tante fatiche, & di tanti dilàgi, fi fiisf ica < - ° ® r, P oftr iì m G T Je,,a grande, 8c nobsl città. Ma ) s| D °P Cr S uc ^° dettano al turco in odo, pere fòche fci di CCtl ° mo ^ e S ucrre con 1 Barbari all intorno, & acqui ìif (* Jrno molte città,& in quello che le cofe paff, tuoo do ‘oro‘felici gli foprauenneta pdb, d.Iiaquale mori jìÙ * *- c S aro c °n molti loldati di valore. Ma poi che in >er P rocc llo di tempo la fu celiaca, Sr difèndo g ur ta la:/e j^dtii atleta, riprelano vigore, per i) che deliberemo ri’ jj ntlouo Jò di morire,ò di terminar iVnprelà perciò Hi c ‘ le Quantunque gli hauefieto fatto gran colè, nondi. ^cno non hauédo prtìo Gierulàlcmmc.cheera i’og, t p tf o principale non gli pareua lor* h iuer fatto nuU j fT-’ndepciòhìuendo cauaro iefèrcito d’Antiochia, s,n uiorr.o ver(ò quelli città Santa, & métre che fè;ce• qndle colè il Califfi d’f gitto non hauédo mai c ófcrmarò la Lega cò li loro Legati, ma bora co inuc l *°ui,ora con col ori, ora con pretedi gli haueua trar* F 2 tenuti. Dio nido nel 6.