Pagina:Naufraghi in porto.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 11 —


La ragazza arrossì e chinò gli occhi; zia Bachisia fece il muso, offesa perchè lo studente pensava a tutt’altro che alla storia da lei narrata, e perchè gli ospiti tutti facevano poco caso della disgrazia di Costantino. D’altronde anche Giovanna pareva dimenticasse, e solo quando zia Porredda le ebbe messo davanti una enorme porzione di maccheroni rosei fragranti di sugo, ella si rifece scura in viso e rifiutò di mangiare.

— Ve l’avevo detto io! — esclamò zia Porredda, sorpresa. — Essa è matta, in verità mia è matta! Perchè non mangiare, adesso? Che c’entra il mangiare, adesso, con la sentenza di domani?

— Via, — disse zia Bachisia, non senza un po' d’acredine, — non far sciocchezze; non disturbar la gioia di questa brava gente.

E zio Efes Maria si mise la salvietta sotto il mento, e sputò la sua sentenza letteraria.

— Cuor forte contro la sorte, dice Dante Alighieri. Via, Giovanna Era, dimostra che tu sei un fiore delle montagne, più forte delle pietre. Il tempo appianerà ogni cosa.

Giovanna cominciò a mangiare, ma con un singhiozzo in gola: Paolo stava zitto, curvo sul suo piatto: e questo era già pulito quando ella arrivò a ingoiare il primo maccherone.

— Sei un vento, figlio mio, — disse zia Porredda. — Che fame da cane hai tu! Ne vuoi altri? Sì; e altri ancora? Sì?

— Oh bravo! — disse zio Efes — parrebbe