Pagina:Naufraghi in porto.djvu/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 180 —

mani sotto il grembiule: recitava il rosario. Nel vedere i due uomini non si mosse, non disse nulla, ma scosse leggermente il capo stringendo le labbra come per dire:

— Siete belli davvero!

— Dov’è Giovanna? — gridò Bronlu.

— È da sua madre.

— Ah, da sua madre? Dalla vecchia arpia? È sempre là. maledetta!

— Non gridare, figlio mio!

— Io grido. perchè sono in casa mia! — egli urlò. E voltosi verso lo spiazzo cominciò a gridare: — Giovanna! Giovanna!

Giovanna apparve subito sulla porta della casetta. e si avviò attraverso lo spiazzo con un’aria spaventata; ma a misura che si avvicinava, il suo viso prendeva un’espressione di sprezzo e di disgusto.

Giunta davanti ai due uomini li guardò con uno sguardo d’odio: Giacobbe rideva fra sè e sè; Bronlu aveva le orecchie rosse per l’ira.

— Che hai? una colica? disse Giovanna.

— Può darsi che gli venga più tardi! — esclamò Giacobbe.

Brontu mosse le labbra, ma non riuscì a dir parola, e l’ira gli passò come era venuta, senza ragione.

Ecco, ti voglio con me... — balbettò, — oggi non ci siamo veduti per nulla... Cosa facevi da tua madre? Chi c’era?

— Nessuno, per l’anima mia! Chi vuoi che venga da noi? — diss’ella con pungente amarezza.