Pagina:Naufraghi in porto.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 227 —

e voleva darmi sua sorella in isposa! Se tu vedessi quella donna non rideresti più. Essa venne con me e col prete dal giudice, a Nuoro. Così il Signore mi assista nell’ora della morte, io non vidi mai una donna più coraggiosa: ella parve sollevarsi da terra. Poi ella s’è curvata, s’è raggrinzita, sai, come quei frutti che si disseccano sulla pianta prima di maturare. Io vado sempre a trovarla; per divertirla le dico: ebbene, vogliamo sposarci, granellino d’orzo? — Ella sorride, io sorrido; ma abbiamo voglia di piangere. Chi poteva mai pensarlo? Ecco dunque, volevo dire: Giacobbe sembrava felice e contento; arricchiva, pensava di prender moglie. Ed ecco ad un tratto: pum! egli cade a terra come una pera fracida E così è la vita. Bachisia Era mercanteggiò sua figlia credendo di cambiare stato, ed ora muore di fame peggio di prima: Giovanna Era fece quel che fece, credendo di raggiungere il cielo in terra, ed invece si trova come una rana infilzata viva in una pertica.

— Ma la bastona, colui? — domandò Costantino, cupo.

— Egli non la bastona ma vi sono maltrattamenti peggiori delle bastonate. L’hanno presa per una serva, sai; per una schiava, anzi. Sai come gli antichi trattavano gli schiavi? Così lei viene trattata in quella casa

— Ebbene, che crepi! Beviamo alla sua dannazione! — disse Costantino alzando il bicchiere.