Pagina:Neera - Anima sola.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
156 anima sola.


Gli dissi di lasciarmi leggere la poesia per intero. Egli mi porse il libro reggendomi davanti il moccoletto e seguendo cogli occhi la mia lettura, che non fu nè rapida nè facile, ma dalla quale mi venne un tale diletto estetico che fu come una rivelazione.

Alcune frasi particolarmente mi avevano colpita:

                         Celeste è questa
     Corrispondenza d’amorosi sensi.

ed anche:


     ... ricovrarmi sotto le grandi ali
     Del perdono di Dio.

C’erano delle note al testo, per cui ci riuscì abbastanza facile di capire le allusioni a Parini ed altre; il mio amico tuttavia si struggeva su quei primi tre versi incomprensibili, ed io mi struggevo di non saperlo aiutare.