Pagina:Neera - Conchiglie, Roma, Voghera, 1905.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

d'amore 185


come un branco di puledri scappati dalla stalla.

— Quello là — disse la mamma - guarda, mi pare Giuseppino, il figlio del farmacista che stava rimpetto a noi, che non voleva mai soffiarsi il naso...

Giovannina guardò e vide in mezzo a tre ragazzotti che facevano le palle di neve il suo amico ed...... — proprio lui, tale e quale lo aveva conosciuto quattro anni addietro, con un nasino rosso alla francese ed ora aveva per di più i geloni alle orecchie; portava un gran tabarro tagliato fuori da un ex cappotto della Guardia Nazionale e sui polsi aveva due manichini di lana violetta lavorati a un punto diritto e un punto rovescio coll'orlo festonato.