Pagina:Neera - Conchiglie, Roma, Voghera, 1905.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

a punto! 89


l’unghia un becco lungo e duro che sporgeva tra un ammasso di penne macchiate di sangue, asciugossi subito il dito nella cocca del fazzoletto e come sintesi riassuntiva di quell’esame disse: Per me, di questa roba non ne mangio.

— Che vogliono mai essere? — chiese la Menica osservando a sua volta i due bipedi piumati che giacevano nel corbello. — Ho inteso parlare di galline Faraone...

— Che galline! — interruppe sdegnosa la signora Marianna. — Codesti sono uccellacci.

— Notturni?

— Forse.

Quando il marito tornò dall’ufficio la signora Marianna cui non era passata la mortificazione della spe-