Pagina:Neera - Fotografie matrimoniali, Catania, Giannotta, 1900.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Fotografie matrimoniali 69


Ma Sofia non è allegra.

Sulla tavola, nel mezzo della stanza, gli avanzi della colazione sembrano invitarla a far sparire quelle traccie prosaiche e sostituirvi la coppa giapponese piena di glicini; ma Sofia piange a piccole lagrime che le bruciano le guancie.

Smette un po’, si leva in piedi, passeggia, odora i fiori, poi torna a gettarsi sul divano. Le vengono in mente due versi, due bei versi di Enrico Heine:

Allor che Maggio infiora gli arboscelli
In cor mi nacque amore.

E giù daccapo a piangere.