Pagina:Neera - Il libro di mio figlio.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il libro di mio figlio 37


Dal re al soldato, dal giovanotto elegante alla suora di carità, nell’ultima epidemia colerosa che afflisse l’Italia, l’altruismo ha portato alta e superba la sua bandiera.

C’è una innondazione, un terremoto? I fatti magnanimi si moltiplicano, non per opera dei comizi e delle fiere di beneficenza, no; ma dalle viscere stesse del popolo battuto dalla disgrazia sorge e si sviluppa il germe dell’amore per i fratelli.

Durante una gita alpina, tre uomini cadono in un burrone. I compagni già estenuati avendone tentato inutilmente la salvezza, raccolgono le loro forze e muovono in cerca di aiuto.

Il paese dove essi giungono è povero, quasi disabitato: essi, esausti, più morti che vivi.

Non importa; bussano alla casa del parroco, additano il pericolo e svengono. Il parroco si alza, corre di porta in porta, chiede, esorta, impone, commuove, elettrizza. Raggranellata una piccola scorta, nel cuore