Pagina:Neera - L'amor platonico, Pierro, 1897.djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


turali, ma che avevano la possibilità di formarvisi,vi si sono formati, togliendo da una parte, aggiungendo dall’ altra, nel lento e instancabile progresso della razza.

L’aforisma di Schopenhauer è dunque esatto per metà, fin dove dice che l’istinto sta nel fondamento di tutti gli amori, ma che ne sia il solo fondamento, ora, coi nostri costumi, le nostre aspirazioni, no, non è vero — o almeno non è sempre vero.

E se ammettete questo, se, come non mi par possibile di negare, ragioni intellettuali e sentimentali vennero a sovrapporsi all’ istinto ?4