Pagina:Neera - L'amor platonico, Pierro, 1897.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


rono mille vite e che non saranno nemmeno chiamati amore! I felici che dall’ amore poterono spremere tutte le ebbrezze guardino pure con sentimento di pietà queste dolorose passioni fatte di rinunzie e di sacrifici, ma non credano che esse sieno le più vane è le più inutili. L’ amore platonico, anche quando non sorregge una grande anima o un ingegno sublime, fa spuntare un flore nell’ arida e ingrata terra a cui la società colle sue violenze, i suoi soprusi e le sue tirannie vieta la materna compiacenza del frutto.