Pagina:Neera - L'amor platonico, Pierro, 1897.djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


coltà di sentire l’attrazione dei sensi, ma così sopraffatta, dominata e vinta dalle attrazioni morali che la voce comune non si perita di chiamare pur essi platonici. È d’altra parte molto difficile stabilire dove cominci e dove finisca astrattamente l’impero del senso.

Avendo già un poeta osservato a tale proposito che • «Tout vrai regard est un désir». dobbiamo pure convenire che il desiderio nelle sue prime manifestazioni si confonde troppo spesso colle altre facoltà impulsive e se a qual-