Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
108 l'amuleto


rumori del bosco erano canzoni, i pigolii dei nidi erano tutte preghiere ed io pure cadendo in ginocchio pregai in mezzo alla natura in festa come dinanzi all’altare di Dio.

· · · · · · · · · · · · · · · ·

Quando feci ritorno nella mia camera Alessio si svegliava allora chiamando mamma.

Il resto della mattina dovetti impiegarlo nel regolare con Pietro i conti di casa; poi venne il dottore a visitare l’Orsola che aveva la tosse e più tardi due suore della carità a cercare l’elemosina per i fanciulli abbandonati. Le ore terribilmente lunghe del pomeriggio le passai coricata sul divano del salotto dove dormii e sognai di essere sospesa sopra un’onda in mezzo a un mare burrascoso e quanto più cresceva la burrasca l’onda si alzava portandomi in alto. Prima di pranzo scrissi una lettera d’affari e lessi per una mezz’ora Pascal, ma mi parve freddo. Il suo ritratto sul frontispizio del libro allon-