Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/191

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 l'amuleto


Misurai tutti i confini della tentazione, ne vidi la profonda dolcezza, sentii salire a me da oscurità ancora inesplorate inauditi fantasmi di ebbrezza e di passione. Una sola parola che pronunciassi ed Egli era mio — lo sentivo — tutto mio in quella solitudine beata, lungi dal mondo, nella primavera che rinasceva, nel mio cuore che si era aperto all’amore, che tremava e palpitava sotto il suo sguardo e nella visione della sua carezza. Tutto si sarebbe rinnovato; le soavi sere, i colloqui confidenti, l’abbandono dell’anima, la gioia di vivere insieme... Era così violento il desiderio che ne tremavo. Ma che cosa ne vedeva Egli? Col capo chino sul mio ricamo tentavo di contarne i punti e solo dopo averli contati risposi:

— Fareste male. Le vie del sogno sono molte, quella della vita è una sola. Dovete ammogliarvi.

— Siete sincera? — domandò, figgendomi gli occhi in volto.