Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l'amuleto 47


La mia salute molto delicata (uno dei pretesti che egli accampava per non condurmi in città) mi fece quasi trovare una felicità in quello stato di rinuncia e mi ero fossilizzata così senza rimpianti e senza desiderî. Mio figlio e i due vecchi domestici formavano tutta la mia famiglia. Quante sere d’inverno ho passate con Alessio addormentato in grembo e l’Orsola che mi raccontava per la centesima volta le nozze de’ miei genitori! Anche Pietro mi ridiceva gli aneddoti del tempo passato; uno de’ suoi favoriti era quello dei miei cinque anni, quando egli mi aveva persuasa che si prendono i passeri ponendo loro un granello di sale sulla coda ed io uscivo in giardino colle tasche piene di sale. E rideva, rideva ancora il buon uomo!

Dicendo a mio cugino che vicino a noi non c’era nessuno avevo dimenticato le due figlie del defunto dottore, zitelle di quarant’anni che non essendosi mai allontanate l’una dall’altra ve-