Pagina:Neera - L'amuleto.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84 l'amuleto


non vediamo la donna, la inventiamo, la fabbrichiamo noi con quanto c’è di meglio nella nostra fantasia. L’animo nostro allora come un albero in fiore, mette tutti i giorni un germoglio nuovo e tutti insieme noi li raggruppiamo intorno al nostro fantasma ideale. Ma poi viene un momento.... basta, ho forse torto di parlarvi così.

Effettivamente io non comprendevo. Molte volte mi pareva che noi due ci somigliassimo appieno, che fossimo eguali di cuore e di mente; molte altre invece vedevo disegnarsi tra me e Lui grandi macchie ignote, sorgere ostacoli che non conoscevo, aleggiare pensieri che non avevo mai avuti, e sentivo la presenza di una quantità di forze che non sospettavo neppure, quasi un mondo dove Egli vivesse e che fosse per me chiuso.

Capisco bene che non riesco a spiegarmi ma mi è così difficile anche l’intendermi, poichè tutte le nostre sensazioni assumevano una forma vaga, indi-