Pagina:Neera - L'indomani.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 103 —


suo pensiero, scrutando la fisionomia della serva, sembrandole al disopra di ogni sospetto; e tuttavia dubbiosa, per quell’eccesso di zelo che in ogni cosa dimostrano i novellini.

— E non hai mai pensato a prendere marito?

Tale domanda fu lanciata così a bruciapelo, che Appollonia sollevò gli occhi e trasse le mani dal mucchio di ferravecchi, restando a bocca aperta, tra il vergognoso e il meravigliato: finchè calma, calma, scuotendo il capo e rimettendosi carponi, rispose:

— Chi vuol mai che mi prendesse!

Non v’era in queste parole neppur l’ombra del rammarico, dell’ira o dell’invidia; nessun lampo di desideri assopiti, nessuna puntura di vanità, niente altro che la semplice, serena accettazione del fatto compiuto.

Marta l’ammirò questa volta, non da padrona a serva, ma da donna a donna.

— Prima di tutto — disse, dolcemente, sentendo il bisogno di questa carezza spirituale —