Pagina:Neera - L'indomani.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 139 —


forse anche la migliore stagione della vita. Non lo crede?

Marta, distratta, rispose con una esclamazione insignificante.

— Io ne sono convinto. La giovinezza è troppo acerba, la virilità troppo burrascosa.

Rialzò con una specie d’orgoglio la testa brizzolata, da un lato della quale la tuba stava in bilico per un miracolo d’equilibrio; i suoi occhi intelligenti scintillarono e le sue narici sensuali respirarono l’aria fortemente.

— Le piante — disse Marta — sono più fortunate di noi.

Egli non sapeva a che cosa alludesse Marta; rispose a caso:

— Anche per esse c’è la grandine e l’accetta.

Tacquero poi, obbedendo entrambi alla tirannia dei propri pensieri, subendo l’influenza di quel dolce pomeriggio d’autunno.

Camminavano lesti, leggeri, aspirando il profumo dei prati, nella tranquilla ascoltazione delle