Pagina:Neera - L'indomani.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 9 —


giorni sulla guancia, la toccavano molto. Dopo — ella pensava — quando ci ameremo davvero, quando saremo soli!

A quindici anni Marta aveva avuta la prima preoccupazione d’amore; null’altro che un fremito, una lunga stretta di mano, uno sguardo che la fece trasalire; e poi molte notti d’insonnia, molte ore di tristezza, molte lagrime sparse in segreto; nessuna ebbrezza amorosa, ma l’intuizione di tutte le ebbrezze. Ed era finito così.

Più tardi, in società, le era occorso di fissare a preferenza gli occhi in certi dati occhi, di ballare volentieri con un giovane piuttosto che con un altro; ma siccome ella non poteva andare incontro a questi sprazzi d’amore, nè sollecitarli, nè abbandonarvisi, erano passati otto anni, vuoti in apparenza e freddi.

Qualunque fossero stati i sogni, i desideri, le speranze, l’attesa degli otto anni trascorsi, tutto doveva ora avere compimento. Nella pienezza del suo sviluppo di donna, l’anima, i sensi, il pen-