Pagina:Neera - L'indomani.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 52 —


sporto che, giovinetta, le suscitava la sola parola — Amore.

Quando si gettava nelle braccia di Alberto, chiedendogli affannosamente se l’amava, e che egli sorridendo la assicurava di sì, una sensazione di freddo le correva dalla testa ai piedi, l’angoscia dolorosa di uno sforzo senza riuscita, l’abbattimento di un carcerato che si slancia contro l’uscio della prigione e la trova chiusa.

In quei momenti Marta diventava pallida.

Se questo era l’amore, qualche cosa altro ci doveva essere, più sublime o più triste, virtù o colpa, ma altra cosa, altra ebbrezza, altro trasporto; visione di cielo o vertigine di abisso, la sensazione a lei ignota del rapimento per cui Francesca si era dannata eternamente, per cui le anime grandi di tutto il mondo piansero, crearono, morirono.

Rammentava una sera lontana, quando aveva quindici anni e che il suo cuore per la prima volta si era aperto all’amore, attratto irresistibilmente verso un giovane che conosceva appena, ma per cui passava le notti insonni.