Pagina:Neera - L'indomani.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 63 —


buone e cortesi signore a cui potreste rendere sì bella visita. Che ne dite?

— Non si fanno visite, quando si vive in un chiostro come vivo io da cinque anni.

La voce aspra della signora Gavazzini echeggiava ancora nel salotto, che già le visitatrici avevano preso commiato, seguite da Gavazzini, il quale le volle accompagnare fin sulla porta, giustificando il contegno della moglie con la scusa di crisi nervosa. Sì dicendo faceva gli occhi teneri a Marta, tastandole il palmo della mano.

Marta uscì di là scandalizzata, incapace di parlare.

La signora Merelli, calma, domandò come le era parso quel nido di tortorelle, e, nella sua rassegnata conoscenza degli uomini, aggiunse che non vi era punto da stupire, che succede così spesso, spesso, assai più di quanto si creda.

— Che cosa le dissi una volta? Follie della luna di miele! Non durano.

— E quando — chiese Marta con la voce