Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 170 —

ma nel momento che levava la mano, le vene della fronte e del collo le si fecero turgide, il braccio si irrigidì; volle parlare, una imprecazione violenta uscì a mezzo dalle sue labbra contratte, il pensiero di una atroce maledizione le si svelava sul volto reso quasi pavonazzo; brancicò ancora, ruggì, cadde.

Pierino fu appena in tempo a sostenerla e a stenderla sul divano al posto lasciato vuoto da Matilde, che, sbigottita, s’era rifugiata in un angolo della stanza, coprendosi gli occhi colle mani.