Pagina:Neera - La Regaldina, Madella, 1914.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 67 —

sovrapposto a una intima compiacenza del frutto proibito.

— Davvero? e sono ragazze! Ma che vergogna! Dove hanno il pudore?

— Eh! andate là signora Ernesta — saltò su il prete Pacchia, che, tolto il mangiare, non si occupava d’altro al mondo e a cui questi discorsi seccavano — anche voi i vostri undici figliuoli li avete ben fatti in onta al pudore.

— So bene che mi canzona, io sono maritata! E’ un altro paio di maniche; c’è il sacramento di mezzo.

— E a quelli là ce lo metteremo il sacramento, ecco tutto.

Il signor Giacomo Rossetti si chinò all’orecchio dell’ostessa e disse qualche cosa; qualche cosa di piccante che solleticando lo strano pudore della signora Ernesta le produsse la sensazione beata di chi sente a parlare di freddo stando avvolto in una tiepida pelliccia.

— Oh! via, via, la finisca — esclamò premendosi sul petto le mani grassoccio, lanciandogli una occhiata cupida, lucente d’una leggera lagrima di piacere, e scuotendo la grossa testa d’animale domestico — Che cosa! che cose! che cose!

Il signor Giacomo Rossetti era un beatone molto timorato e timoroso, che guai a mangiar di gras-