Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
130 la freccia del parto


che vi si inoltrò recitando ad alta voce i versi delle Rimembranze:


E questa è l’ora; mormorar io sento
Co’ miei sospiri in suon pietoso e basso
Tra fronda e fronda il solitario vento.


Ottobre pingeva la campagna di una tinta malinconica; il giallo dominava sul verde. Le colline sfumavano dentro un velo di nebbia rotta qua e là dalla freccia acuta di un campanile. La natura era fredda e silenziosa, il cielo grave; si sentiva l’inverno attraverso le folate di vento che facevano cadere le foglie e stridere i rami.

Costanza non era sola. Davanti a lei, fra gli steli del trifoglio, camminava una giovane signora molto piccola di statura e colla faccia sprofondata nelle