Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/209

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

le tre rose 201


da lavorare. Marcello, quando si metteva in vena, era di un naturale allegro; cantò anche lui, rise, ciarlò, disse e fece mille pazzie. Quando uscì dalla stanzetta della popolana non aveva più la rosa; la rosa della patrizia era rimasta sul tavolo dell’operaja.

E però bisogna compatire il nostro eroe. Se quella benedetta rosa fosse riuscito a portarla a casa, non dico il tabernacolo, ma un libro forse l’avrebbe trovato per disseccarvi in pace.

Anche i fiori hanno il loro destino!

L’indomani Marcello stava vestendosi lentamente, ancora un po’ sonnacchioso quantunque fosse abbastanza tardi, e leggiermente distratto da una biondina che annaffiava un vaso di garofani dall’altra parte della strada.