Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/237

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Sull’unghia lucida, opalina, proprio in fondo verso la radice, c’era una piccola striscia bianca, che ne guastava l’elegante armonia. Pareva una vela candida su un lago tranquillo.... no, pareva una macchia, una vera macchia ignobile e plebea; e il ditino si ribellava a questo marchio degradante rizzandosi in mezzo a’ suoi compagni, provocando ad ogni istante le occhiate malinconiche della contessa.